Esemplari di Nephros norvegicus (scampo) in corso di decongelamento Osservazione della parte ventrale di Nephros norvegicus (scampo) e dissezionamento carapace Esemplari di scampi e gamberi a confronto Elettroforesi su gel di poliacrilammide di estratti da crostacei decongelati I laboratori del CNR – Istituto di Biomedicina e Immunologia Molecolare “A. Monroy” – Unità Operativa Stress Cellulare e Ambiente

 

Sede del CNR a RomaIl Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) è un Ente pubblico nazionale di Ricerca con competenza scientifica generale, vigilato dal Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca (MIUR).

 

 

 

 

 

 

Il CNR, in un quadro di cooperazione e integrazione europea, ha il compito di svolgere, promuovere, trasferire, valutare e valorizzare ricerche nei principali settori della conoscenza e di applicarne i risultati per lo sviluppo scientifico, culturale, tecnologico, economico e sociale del Paese 

 

  

 

La rete scientifica del CNR è composta da 100 Istituti, articolati in 7 Dipartimenti, con circa 8.000 dipendenti. Le dimensioni, l'articolazione e la diffusione su tutto il territorio nazionale fanno del CNR il più grande Ente di Ricerca Italiano, caratterizzato da un elevato grado di multidisciplinarietà, che lo distingue da tutti gli altri Enti, e uno dei maggiori a livello internazionale.

Presso l'Area della Ricerca del CNR di Palermo si trovano i due Istituti CNR che partecipano al progetto Pescato Mediterraneo: certificazione di qualità e valorizzazione dei crostacei decongelati.

L'Istituto di Biomedicina e Immunologia Molecolare "A. Monroy", (IBIM), Palermo afferisce al Dipartimento di Scienze Biomediche (DSB) del CNR.

Il DSB riunifica gli obiettivi, le metodologie e gli approcci più tipici della medicina di base ed applicata con quelli caratteristici delle scienze biologiche, che si focalizzano sui meccanismi alla base dei fenomeni naturali, preferibilmente, ma non esclusivamente, mediante analisi a livello molecolare. L'attività dell'IBIM è compresa nella macro area delle Scienze e Tecnologie Mediche, con estensione alle macro aree di Biotecnologie e Scienze e Tecnologie Ambientali.

L'IBIM ha un personale di 62 ricercatori e tecnologi, 14 tecnici, 8 amministrativi. Ed inoltre contribuiscono alle attività in corso 20 associati di ricerca, 15 assegnisti di ricerca, 13 collaboratori a contratto, 12 Borsisti, 13 dottorandi di ricerca, 60 tesisti e tirocinanti universitari.
L'IBIM svolge attività di ricerca scientifica a carattere interdisciplinare basata su biotecnologie molecolari e innovative per la valorizzazione, il trasferimento tecnologico, l'innovazione e la formazione, relativamente alle seguenti aree tematiche:
• Biotecnologie applicate alle Scienze Mediche;
• Fisio-patologia ed epidemiologia delle malattie respiratorie e allergiche, con particolare enfasi sui disturbi cardio - respiratori del sonno;
• Immunopatologia e Farmacologia Sperimentale nelle Pneumopatie;
• Studi per la caratterizzazione di molecole implicate in malattie immunologiche;
• Biotecnologie applicate all'agroalimentare e alla salute umana;
• Malattie rare: studi enzimatici e genetici di disordini metabolici;
• Network cellulari ed oncobiologia sperimentale;
• Controllo trascrizionale e post-trascrizionale dello sviluppo, proliferazione e differenziamento di cellule normali e neoplastiche;
• Neuroscienze: meccanismi di neuro-degenerazione e neuro-protezione;
• Allergologia e Pneumologia Pediatrica;
Stress cellulare e Ambiente (invertebrati marini - piccoli organismi modello).

----    ---

 

L' Unità di Ricerca Stress Cellulare e Ambiente affronta lo studio dei meccanismi di regolazione dei processi di risposta a stress cellulare indotti da fattori chimico-fisici e bio-chimici quali metalli, nanoparticelle ingegnerizzate, inibitori di proteasi, radiazioni ionizzanti, anticorpi specifici e proteine ricombinanti, mediante l'analisi dell'espressione di geni e proteine target specifici dello stress e del differenziamento scheletrico, fattori di crescita e molecole di adesione, in embrioni e cellule immuni di riccio di mare. Altri studi riguardano gli effetti antiossidanti e anti-infiammatori di molecole bioattive naturali e di sintesi in cellule immuni marine.

 --- 

Responsabile:
Valeria Matranga Primo Ricercatore CNR

Collaboratori:
Rosa Bonaventura Ricercatore CNR
Caterina Costa Ricercatore CNR
Nadia Lampiasi Ricercatore CNR
Roberta Russo Tecnologo CNR
Francesca Zito Ricercatore CNR
Annalisa Pinsino Ricercatore T.D. CNR
Mauro Biondo Collaboratore Tecnico CNR
Chiara Martino Dottoranda, Università di Palermo
Stefania D'Agostino Borsista Regione Sicilia progetto Spin-off


Le principali linee di ricerca sono indicate qui di seguito. Per ulteriori approfondimenti clicca qui.

Ruolo della adesione cellula-cellula e cellula-substrato nel differenziamento embrionale
Studio dei Processi di biomineralizzazione, differenziamento cellulare e modellamento dello scheletro embrionale 
Sviluppo di progetti di maricoltura ed acquacoltura del riccio di mare, specie Paracentrotus lividus
Fenomeni di stress, rigenerazione e staminalità in echinodermi, inclusi ricci e stelle di mare
Studi sulle cellule immuni di riccio e loro utilizzo come modello 
Campagne oceanografiche e studi ecotossicologici sul campo
Studio degli effetti di radiazioni ionizzanti (UVB) in cellule immuni ed embrioni di riccio di mare 
Studio delle risposte morfologiche, biochimiche e biomolecolari ad inquinanti chimici in embrioni

 

Principali tecniche di indagine utilizzate:

- Valutazione del differenziamento cellulare: analisi morfometrica
- Tecniche di estrazione di proteine da cellule immuni e cellule embrionali
- Tecniche biochimiche di purificazione proteica (affinity chromatography)
- Immunoblotting (WB); 2D gel elettroforesi
- Immunoistochimica (IHC)
- In-situ hybridization (ISH); Immunofluorescenza (IF)
- Saggio in vivo per la determinazione del calcio intracellulare (calcein labeling)
- Tecniche di purificazione delle spicole
- Estrazione acidi nucleici, RT-PCR, Q-PCR
- Tecniche di clonaggio e sequenziamento di cDNA
- Produzione di proteine ricombinanti
- Tecniche statistiche di analisi dati (univariata e multivariata)
- Protein structure modeling - computational analysis

 

Contatti

Via Ugo La Malfa 153
90146 PALERMO
Tel: +39 091 6809 194
Fax: +39 091 6809 122
EmailQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tuesday the 11th. DeCroMed - Joomla Site Templates